Facebook Latitidine 40

Isola di Fuerteventura: una guida online dedicata a Fuerteventura

fuerteventura

“Tempi” da isola

Fuerteventura, “tempi” da isola

Di Graziana Morcaldi.

Pomeriggio libero, raro e prezioso, e clima incerto. Si potrebbe gironzolare nei bar e passeggiare sull’Avenida Maritima. Di certo non è tempo di bagni, ma siamo su un isola. In un ora potrebbe cambiare tutto. Pensiamo ad adesso pero’, qualcuno ha addirittura messo su il cappello di lana. Sono le 14:00 di un lunedì di dicembre, e il cielo è un pasticcio di colori e forme.Se mi volto verso Est, sull’isolotto di Lobos splende il sole e il cielo azzurro è macchiato appena da nuvole bianche e innocue. Viene quasi voglia di accarezzarle. Verso Nord-Ovest nuvole nere e minacciose si avvicinano a gran velocità. Sono nuvole cariche di pioggia, ma ci sfiorano senza toccarci e dal porto vanno verso il mare aperto, dove i surfisti con le loro tavole cavalcano le onde. Ecco che li raggiunge e inizia a piovere sulle loro teste, ma l’adrenalina è talmente forte che nemmeno se ne accorgono. Verso Sud è sereno. Ci dirigiamo dunque verso Sud, la parte alta di Corralejo. Attraversata la zona del Mercadona inizia il nulla dei grandi spazi aperti, tipici di Fuerteventura. Puntiamo al vulcano. Sono con un amico e nessuno dei due deve tornare a lavoro, dunque il tempo (quello del trascorrere delle ore perlomeno) ci gioca a favore.

fuerteventura dune

 

Programma: arrampicata sulla cima del vulcano da Ovest, ridiscesa a Est seguendo in direzione del deserto fino alle dune e dritti verso l’oceano.

Cominciamo l’arrampicata. Il vento è violento e stiamo attenti a non perdere l’equilibrio, perché il sentiero è ripido e sdruccioloso. Manteniamo l’equilibrio camminando mani e piedi. Raggiunto la vetta del vecchio vulcano, ennesimo scherzo del tempo. Il vento si ferma completamente. Siamo nel punto più alto e non c’è vento. I paradossi dell’isola. E’ uscito anche il sole, che diretto verso il Cotillo era coperto da quei grossi nuvoloni neri, che facendo un giro strano erano andati dritti verso i surfisti. A proposito di quei nuvoloni, si sono già persi all’orizzonte e i surfisti sono sempre in acqua.